Archivi tag: lampade ad incandescenza

Lampadine ad incandescenza: dal 1° settembre addio

La Commissione Europea il 24 Marzo del 2009 ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Europea il Regolamento 244/2009/CE che prevedeva la messa al bando della produzione e relativa vendita di lampade ad incandescenza. Lo scopo è di incrementare il risparmio energetico e contenere le emissioni di CO2, ma anche per limitare il contenuto e le emissioni di mercurio.

 

Lampade incandescenza, lampade LED, risparmio energetico, illuminazione, LED, energy manager, led a costo zero

 

Tecnicamente a partire dal 1° settembre del 2009 sono state messe al bando le lampade da 100W, il 1° settembre del 2010 quelle da 75W, nel settembre del 2011 è toccato a quelle da 60W e per ultime, dal 1° settembre dell’anno in corso, toccherà a quelle da 40W e da 25W.

La graduale dismissione è stata voluta dalla Comunità Europea per dare la possibilità ai costruttori di disporre di tempi sufficienti per riprogettare in maniera appropriata i nuovi prodotti da immettere sul mercato in modo da evitare impatti negativi sulla funzionalità. Le nuove tipologie di lampade saranno o fluorescenti o a LED. I costruttori smetteranno di produrne dal 1° di settembre del 2012 e potranno essere vendute soltanto quelle già in possesso dei rivenditori fino ad esaurimento delle scorte.

D’ora in poi si potranno acquistare soltanto le lampade compatte (Alogene o fluorescenti) o a LED, che consumano l’80% in meno, garantiscono minori emissioni di CO2 in ambiente, durano molto di più e non anno costi di manutenzione. In particolare le lampade a LED, che sono le uniche che garantiscono un risparmio pari all’80%, le fluorescenti al massimo arrivano ad un risparmio del 50% e durano meno della metà, saranno quelle più utilizzate anche perché la tecnologia è sempre in evoluzione ed anche l’affidabilità.

Basti pensare che avendo una vita di almeno 50.000 ore una lampada a LED può durare anche oltre 15 anni, durata che dipende dal numero di ore di accensione. Facendo un rapido calcolo se la lampada sta accesa 8 ore al giorno per 300 giorni l’anno, in un anno rimarrà accesa 2400 ore. La vita di questa lampada sarà di oltre 20 anni.

In particolare le lampade a LED saranno di vitale importanza per tutte le aziende che hanno un consumo di energia elettrica per l’illuminazione molto elevato che si traduce nel tenere accese le lampade per almeno 8 ore al giorno per 300 giorni l’anno. Più tempo saranno accese più rapido sarà il payback. Mediamente nell’arco di 2/3 anni l’imprenditore rientrerà del costo del nuovo impianto di illuminazione con un risparmio che poi sarà dell’70/80%. Consideriamo che dal 3° anno in poi e per i successivi 15-20 anni non si avranno più costi di manutenzione ma soltanto risparmio.

Per dare un riscontro a quanto detto, secondo dati elaborati dallo studio Lighting the Clean Revolution e presentati da The Climate Group e Philips, i LED possono generare un risparmio energetico dell’85% rispetto alle soluzioni tradizionali. Un risparmio che non è da sottovalutare soprattutto nel campo dell’illuminazione stradale che oggi, secondo lo studio è responsabile del consumo del 19% dell’elettricità utilizzata nel mondo e del 6% delle emissioni di gas serra. Lo studio rivela anche che il LED richiede bassi interventi di manutenzione: il tasso di guasti è infatti dell’1% ogni 6.000 ore di utilizzo contro il 10% delle fonti di illuminazione tradizionale.

Per avere una valutazione sugli eventuali risparmi e costi di riqualificazione del vecchio impianto di illuminazione con uno a LED non esitate a contattarmi alla mail: g.larocca@medambiente.com.

Giuseppe